• Collaborazione e tradizione,
    la forza della comunità.
    Sviluppo di legami sociali per la creazione di un possibile futuro per il territorio
  • Terra di Laghi e Peonie tra i «Sentieri del Grano» Un nuovo patto tra produzione e lavoro per il rilancio dell’economia
  • Cultura e tradizione Gente faghet cosa,
    cosa non faghet gente.

    Le persone producono ricchezza,
    la ricchezza senza le persone non può produrre niente
  • Sviluppo di una visione comune Maggiore conoscenza del territorio e del partenariato locale.
  • Un patrimonio antico e ben radicato La valorizzazione di una cultura tradizionale come base per attività artigianali e industriali di alto livello
  • Produzioni agricole,
    l'eccellenza è di casa
    Ottimizzazione e razionalizzazione di una filiera produttiva capace di completare un paniere agro-alimentare dalla singolare unicità
  • Nuovi orizzonti per il territorio Attrattività turistica sostenibile: risorsa unica per i giovani imprenditori nel rispetto di una comune coscienza ambientale
Reti d'impresa, emanato il decreto attuativo
Lunedì 06 Giugno 2011 15:41

Il decreto attuativo delle "Reti di Impresa", misura prevista dalla manovra del 2010, è stato presentato il 13 aprile 2011. Con questo Decreto sono previste per le imprese importanti agevolazioni fiscali, di accesso al credito e di altra natura. Si tratta del "Contratto di Rete" mediante il quale per accrescere la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato, più imprenditori possono stipulare un accordo, obbligandosi, sulla base di un programma comune di rete, a collaborare in forme predeterminate attinenti all’esercizio delle proprie imprese, o a scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica, o ancora ad esercitare in comune una o più attività rientranti nell’oggetto della propria impresa. Quello delle Reti è un contratto tra imprese, che consente alle stesse di presentarsi insieme dal fisco, in banca, all'estero pur rimanendo libere e singole.

Con il contratto di rete due o più imprese si obbligano ad esercitare in comune una o più attività economiche rientranti nei rispettivi oggetti sociali per accrescere la reciproca capacità innovativa e la competitività sul mercato.

Il contratto è redatto per atto pubblico o per scrittura privata autenticata, e deve contenere: l'indicazione degli obiettivi strategici posti a base della rete, che dimostrino il miglioramento della capacità innovativa e della competitività sul mercato; durata del contratto, modalità di adesione di altre imprese e relative ipotesi di recesso; l’individuazione di un programma di rete, con l'enunciazione dei diritti e degli obblighi assunti da ciascuna impresa e le modalità di realizzazione dello scopo comune.

A discrezione degli imprenditori possono essere indicati altri elementi, tra cui:

· l'istituzione di un fondo patrimoniale comune in relazione al quale sono stabiliti i criteri di valutazione dei conferimenti che ciascun contraente si obbliga ad eseguire e le relative modalità di gestione;
· l'organo incaricato di eseguire il contratto di rete,
· i suoi poteri anche di rappresentanza e le modalità di partecipazione di ogni impresa all’attività dell'organo.

Salvo che sia diversamente disposto nel contratto, l'organo comune agisce in rappresentanza degli imprenditori partecipanti al contratto, nelle varie procedure come:

- procedure di accesso alla programmazione negoziata con le pubbliche amministrazioni (contratti di programma, ecc.)
· - procedure inerenti ad interventi di garanzia per l'accesso al credito;

In sintesi: per accrescere la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato, più imprenditori possono stipulare un accordo, obbligandosi, sulla base di un programma comune di rete, a collaborare in forme predeterminate attinenti all’esercizio delle proprie imprese, o a scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica, o ancora ad esercitare in comune una o più attività rientranti nell’oggetto della propria impresa.

Questo è il contratto di rete, istituito con la legge n. 33 del 9 aprile 2009 e modificato con l’art. 42 della Legge n. 122/2010, di conversione del decreto legge n.78/2010, grazie al quale alle imprese appartenenti ad una delle reti di imprese riconosciute competono vantaggi fiscali, amministrativi e finanziari, nonché la possibilità di stipulare convenzioni con l'A.B.I.

L’agevolazione fiscale prevista in favore delle imprese che sottoscrivono o aderiscono a un contratto di rete consiste in un regime di sospensione di imposta di cui possono fruire gli utili d’esercizio accantonati ad apposita riserva e destinati alla realizzazione di investimenti previsti dal programma comune, preventivamente asseverato.

Gli utili che non concorrono alla formazione del reddito non possono eccedere, in ogni caso, il limite di euro 1.000.000 per ciascuna impresa, nonché per ciascun periodo d’imposta in cui è consentito l’accesso all’agevolazione.

Testo legislativo

Legge 9 aprile 2009, n. 33
(...) 4-ter. Con il contratto di rete due o più imprese si obbligano ad esercitare in comune una o più attività economiche rientranti nei rispettivi oggetti sociali allo scopo di accrescere la reciproca capacità innovativa e la competitività sul mercato. Il contratto è redatto per atto pubblico o per scrittura privata autenticata, e deve indicare:

a) la denominazione sociale delle imprese aderenti alla rete;
b) l’indicazione delle attività comuni poste a base della rete;
c) l’individuazione di un programma di rete, che contenga l’enunciazione dei diritti e degli obblighi assunti da ciascuna impresa partecipante e le modalità di realizzazione dello scopo comune da perseguirsi attraverso l’istituzione di un fondo patrimoniale comune, in relazione al quale sono stabiliti i criteri di valutazione dei conferimenti che ciascun contraente si obbliga ad eseguire per la sua costituzione e le relative modalità di gestione, ovvero mediante ricorso alla costituzione da parte di ciascun contraente di un patrimonio destinato all’affare, ai sensi dell’articolo 2447-bis, primo comma, lettera a), del codice civile;
d) la durata del contratto e le relative ipotesi di recesso;
e) l’organo comune incaricato di eseguire il programma di rete, i suoi poteri, anche di rappresentanza, e le modalità di partecipazione di ogni impresa all’attività dell’organo.
4-quater. Il contratto di rete è iscritto nel registro delle imprese ove hanno sede le imprese contraenti.
4-quinquies. Alle reti delle imprese di cui al presente articolo si applicano le disposizioni dell’articolo 1, comma 368, lettera b), della legge 23 dicembre 2005, n. 266, e successive modificazioni».

Slides-LAORE-Contratto-di-rete [FILE PDF]
Bozza-Contratto-di-rete [FILE DOC]
 

L'agricoltura Sociale

Sportello informatico della rete delle Fattorie Sociali www.fattoriesociali.com È una rete di agricoltori, operatori sociali e culturali, ricercatori, dirigenti di cooperative e di associazioni, animatori di sviluppo locale. L'obiettivo è ... leggi tutto

Le Energie Rinnovabili

LE FONTI RINNOVABILI Riportiamo qui di seguito alcuni approfondimenti curati dal Dott. Ing. Pierluigi Pireddu. Nei file pdf allegati vengono trattati i seguenti temi: Le politiche energetiche Aspetti generali Il ... leggi tutto

Linee guida per la tutela della Biodiversità

Sono state pubblicate le "Linee guida per la conservazione e la caratterizzazione della biodiversità vegetale, animale e microbica di interesse per l'agricoltura". Il lavoro, realizzato con ... leggi tutto

Riforma PAC 2014 - 2020

RIFORMA PAC 2014 - 2020 Più ricca la dote finanziaria per i nuovi Psr Accordo sulla ripartizione regionale dei fondi: 20,85 miliardi, di cui la metà arriva da Bruxelles - Debuttano anche ... leggi tutto

Panificazione Rurale

Amate il pane Amate il panecuore della casaprofumo della mensagioia dei focolari. Rispettate il panesudore della fronteorgoglio del lavoropoema del sacrificio. Onorate il panegloria dei campifragranza della terrafesta della vita. Non sciupate il panericchezza ... leggi tutto

Parte il tour informativo Terre d'acqua e di pietra

Al via gli eventi itineranti di Terre d’acqua e pietra, il progetto di informazione e animazione territoriale ideato per diffondere le iniziative del GAL Sarcidano Barbagia di Seulo e per ... leggi tutto

http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/253824fattorie_sociali_piccolo.jpg http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/870953fonti_rinnovabili.jpg http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/677570TestataRrnNew.png http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/943961riformaPAC.jpg http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/374863AMATE_IL_PANE.jpg http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/559829terre_dacqua_pietra_small.png