• Collaborazione e tradizione,
    la forza della comunità.
    Sviluppo di legami sociali per la creazione di un possibile futuro per il territorio
  • Terra di Laghi e Peonie tra i «Sentieri del Grano» Un nuovo patto tra produzione e lavoro per il rilancio dell’economia
  • Cultura e tradizione Gente faghet cosa,
    cosa non faghet gente.

    Le persone producono ricchezza,
    la ricchezza senza le persone non può produrre niente
  • Sviluppo di una visione comune Maggiore conoscenza del territorio e del partenariato locale.
  • Un patrimonio antico e ben radicato La valorizzazione di una cultura tradizionale come base per attività artigianali e industriali di alto livello
  • Produzioni agricole,
    l'eccellenza è di casa
    Ottimizzazione e razionalizzazione di una filiera produttiva capace di completare un paniere agro-alimentare dalla singolare unicità
  • Nuovi orizzonti per il territorio Attrattività turistica sostenibile: risorsa unica per i giovani imprenditori nel rispetto di una comune coscienza ambientale
La Tavola di bronzo di Esterzili
Scritto da Ivo Porcu
Mercoledì 09 Maggio 2012 06:43

La scoperta
Nel marzo del 1866 il contadino esterzilese Luigi Puddu, soprannominato Pibinca, mentre arava il campo di S'è Munzu Franciscu, in località Cort'e Lucetta, ora appartenente agli eredi di Pietrino Serra, s'accorse ad un tratto che il vomere del suo aratro di legno aveva urtato contro qualcosa di duro. Incuriosito e preoccupato dell'ostacolo, allontanò i buoi aggiogati, si mise a scavare e riportò alla luce una lastra di bronzo scolpita, lunga cm 60, alta cm 45, spessa mm 5, del peso di circa 20 chilogrammi, costituita di metallo ben compatto e di buona qualità, sagomata in tutti i lati. L'ignaro scopritore di così importante documento epigrafico portò la tavola di bronzo in paese e la consegnò al parroco, canonico Giovanni Cardia, il quale lo volle compensare con un regalo di dieci lire (due scudi d'argento), allora costituenti una somma discreta. Giovanni Spano che si fece consegnare la lastra, la esaminò, la studiò e la pubblicò, cedendola al Museo Nazionale di Sassari, dove il pregevole oggetto si trova ancora.

L'iscrizione, incisa a caratteri capitali, in 27 righe, esprime il seguente contenuto:

"Imperatore Otone Cesare Augusto Console. Il giorno diciotto di marzo". Quest'ordine è stato trascritto e confrontato col registro sigillato del proconsole Lucio Elvio Agrippa, presentato da parte di Gneo Ignazio Fusco, scrivano del questore, nel quale registro era scritto ciò che era stato trascritto nell'altra tavola nei capitoli VII, IX e X. Il giorno 13 di marzo il proconsore Lucio Elvio Agrippa, sentite le parti in causa, ha reso questa sentenza: "Poichè il bene comune prescrive che si debba tener conto di ciò che afferma la sentenza nella causa dei Patulcensi e poichè Marco Giovenzio Rissa, uomo di grande autorità, procuratore di Augusto, molte volte ha ordinato che i confini delle terre dei Patulcensi si devono mantenere come erano stati fissati nella tavola di bronzo di Marco Metello, comunicando inoltre che era disposto a punire i Galillensi, i quali in molte circostanze avevano provocato il disordine con risse e atti arroganti e non avevano ubbidito al suo decreto, ma che tuttavia in ossequio alla benignità dell'imperatore ottimo massimo era ancora disposto ad avvertirli con una altra ordinanza in maniera che stessero calmi rispettando questa giusta sentenza e prima dell'arrivo del mese di dicembre sgombrassero il terrritorio dei Patulcensi restituendone il libero possesso; che se intendessero con ostinati dispetti continuare la provocazione opponendosi agli ordini, egli stesso era pronto a punire tutti coloro che intendessero provocare disordini; dopo che i Gallinensi per la medesima causa si erano rivolti a Cecilio Semplice, uomo illustre affermando che dai documenti dell'archivio imperiale erano pronti ad esibire un'altra tavola con gli atti di questa causa; dopo che egli aveva fatto sapere che la buona volontà lo spingeva ancora a dare ulteriore proroga per la presentazione delle prove e per questo aveva concesso loro altri tre mesi fino ai primi di dicembre, trascorsi i quali, concesso loro altri tre mesi fino ai primi di dicembre, trascorsi i quali, se la carta non gli fosse pervenuta, egli si sarebbe attenuto a quanto contenuto nella carta presente in provincia, anch'io, sollecitato da parte dei Galillensi che affermavano che la carta non era ancora pervenuta a loro, ho loro concesso tempo fino al primo di febbraio, rendendomi conto che a questi proprietari avrebbe fatto comodo un'altra proroga, ordino che i Galillensi, entro il primo giorno di d'aprile, si ritirino dal territorio dei Patulcensi Campani che hanno occupato di prepotenza senza averne diritto. Qualora essi non sono disposti a ubbidire a questo decreto, sappiano che saranno condannati alla pena che molte volte è stata loro prospettata per il ritardo eccessivo. Al consiglio del proconsole hanno partecipato Marco Giulio Romolo, legato propretore, Tito Attilio Sabino questore propretore, Marco Stertilio Rufo figlio, Sesto Elio Modesto, Publio Lucrezio Clemente, Marco Domizio Vitale, Marco Lusio Fido e Marco Stertinio Rufo padre.
Furono testimoni Gneo Pompeo Feroce, Aurelio Gallo, Marco Blossio Nipote, Caio Cordio Felice, Lucio Vigellio Crispino, Caio Valerio Fausto, Marco Lutazio Sabino, Lucio Cocceio Geniale, Lucio Plozio Vero, Decimo Veturio Felice e Lucio Valerio Peplo."

Questo importante documento storico, assai rilevante dal punto di vista amministrativo, giuridico, linguistico ed epigrafico, è una delle rare testimonianze scritte a noi pervenute che illustrano, con abbondanza di dati, la situazione delle popolazioni sarde in epoca imperiale romana, confermando, tra l'altro, per la prima volta, la presenza di Otone sul trono di Roma. Infatti la data del 18 marzo dell'anno 69 d.C., si riferisce ad un mese e due giorni anteriori alla morte per suicidio dell'imperatore tiranno, dopo la sconfitta di Bedriaco presso Cremona. Inoltre la tavola trovata nell'agro di Esterzili illumina un periodo di lotte tra le diverse tribù dell'interno, rivela in pratica una stato permanente di guerriglia, di sconfinamenti e di razzie, spiega la funzione dei governatori romani e fornisce altresì interessanti particolari linguistici e burocratici. Questa eccezionale testimonianza epigrafica era sepolta nei pressi dell'abitato romano di CeaIdda, ossia Valle o Piana dell'abitato, ancora oggi ricca di avanzi archeologici che ne attestano l'importanza e fanno pensare a questa località come sede delle turbolente tribù dei Galillensi, sempre in agitazione contro le genti della pianura, come è sempre avvenuto con i montanari pastori, temuti nemici degli agricoltori dei Campidani. Sulla tavola di Esterzili si sono soffermati insigni studiosi.

Tavola di bronzo di Cort'e Lucetta
Il contenuto della tavola di bronzo rinvenuta a Cort'e Lucetta fa frequenti riferimenti alle due bellicose tribù nemiche che ripetutamente si erano scontrate nell'area compresa dentro l'attuale territorio di Esterzili: i feroci Galillenses e i più rassegnati Putulcenses Campani. Probabilmente entrambi questi popoli abitavano addirittura sull'orlo fertile e rico di sorgenti del tavolato di Orboreddu, nella contrada detta ancora oggi CeaIdda, ossia Piana della Villa. Lo storico Giovanni Spano, che recuperò e conservò la preziosa tavola di bronzo, è di questo parere, mentre è convinto che i Galillenses fossero padroni della regione montuosa della Barbagia, dove era più agevole la difesa contro la repressione dei legionari romani. Secondo Bacchisio Raimondo Motzo, che ha studiato la leggenda della vita e dell'ufficio di San Giorgio di Suelli, vescovo di Barbagia, il villagio di Gallilium, che rappresenta la continuazione dei Galillenses, sarebbe stato situato nella media valle del Flumendosa, tra la Barbagia meridionale, il Gerrei e l'Ogliastra, cioè in territorio di Esterzili, dove fu rinvenuto l'importante documento epigrafico. Altri studiosi (fra cui Marcella Bonello Lai) avanzano l'ipotesi che i Galilenses erano stanziati nel Gerrei e che i Patulcenses avevano la loro sede ad est di Esterzili, dove sono riscontrabili alcune tracce della romanizzazione di questo territorio.
Ma appare più logico pensare che le due tribù nemiche fossero confinanti e quindi nella stessa area dove eraconservata la tavola di bronzo del proconsole L.E. Agrippa che aveva intimato ai trasgressori dell'ordine di Roma di rispettare i confini stabiliti, confini più volte violati, anche nei periodi storici successivi, da abigeatari erazziatori o da pastori in cerca di pascolo da sfruttare togliendolo ad altri.

 

Linee guida per la tutela della Biodiversità

Sono state pubblicate le "Linee guida per la conservazione e la caratterizzazione della biodiversità vegetale, animale e microbica di interesse per l'agricoltura". Il lavoro, realizzato con ... leggi tutto

Parte il tour informativo Terre d'acqua e di pietra

Al via gli eventi itineranti di Terre d’acqua e pietra, il progetto di informazione e animazione territoriale ideato per diffondere le iniziative del GAL Sarcidano Barbagia di Seulo e per ... leggi tutto

Formazione al GAL con Green & Blue

Per effetto dello scorrimento delle graduatorie sono stati finanziati i progetti di cui il GAL è partner nell'ambito dell'Avviso pubblico "attività integrate per l'empowerment, la formazione professionale, la certificazione delle ... leggi tutto

Creazione di impresa con ITACA

  Progetto I.T.A.C.A. Integrazione Turismo, Ambientale, Commercio, Agroalimentare Nuove opportunità di lavoro e creazione di impresa 17.04.2019 - Riaperti i termini per la presentazione delle domande di partecipazione ai percorsi formativi di Escolca ... leggi tutto

Formazione Marketing e Casari con ECoPro

ECoPro marketing turistico e settore lattiero caseario Nuove opportunità di crescita professionale nel territorio del Sarcidano e della Barbagia di Seulo.     04/05/2019. Riapertura dei termini per la presentazione delle domande di partecipazione ai ... leggi tutto

http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/677570TestataRrnNew.png http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/559829terre_dacqua_pietra_small.png http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/115459logoGreenandBlueDinamic.png http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/535761LogoItacadinamic.jpg http://www.galsarcidanobarbagiadiseulo.it/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/209196LogoEcoPROdinamic.jpg